OSCE per l’Anziano

OSCE per l’Anziano

Progetto Osteopatia Geriatrica

Si prevede che l’ingrigimento dell’America drammaticamente altererà  il profilo della popolazione degli Stati Uniti per i prossimi 4 decenni quando i “baby boomer”  diventeranno anziani. Nel 2050, il numero di individui americani di età compresa tra 65 anni o più sarà numericamente più del doppio di quelli del 2010 (1). Questi individui, nel 20050 costituiranno il 20% della popolazione totale, rispetto al 13% del 2010 (1). Allo stesso modo, nel 2050 il numero degli ultra ottantacinquenni aumenterà fino ad arrivare al 4,3% del popolazione totale, rispetto al 1,7% del 2010 (2).
In Italia le previsioni non si discostano di molto rispetto a quelle degli Stati Uniti. Queste proiezioni suggeriscono che l’osteopata dovrà prendersi cura di un maggior numero di pazienti anziani, alcuni dei quali in virtù della loro età richiederà un più ampio livello di supporto. L’OSCE, di conseguenza, ha intrapreso una serie di iniziative a diversi livelli:

– incrementare la formazione osteopatica nel campo geriatrico per migliorare l’assistenza agli anziani. Il prossimo anno partirà un corso che avrà come docente il dott. Johannes Mayer responsabile della formazione in geriatria della scuola tedesca DGOM;
– collaborazione della scuola OSCE con la casa di riposo G. Lercaro di Bologna. L’iniziativa prevede la presenza nella casa di riposo di tutor e tirocinanti della scuola per trattare gratuitamente i residenti della Struttura;
– progetto di ricerca scientifico su possibili out come del trattamento osteopatico nell’anziano.

Bibliografia

1- Vincent GK, Velkoff VA. The Next Four Decades. The Older Population of the United States: 2010 to 2050. Washington DC: US Census Bureau; 2010. P25-1138.

2 – The Federal Interagency Forum on Aging-Related Statistics. Older Americans 2010: Key Indicators of Well-Being. Washington DC: National Center for Health Statistics; 2010.